Rapporto Annuale 2020

Lettera del Presidente

Un anno impegnativo

Pensando all’anno appena trascorso, la prima considerazione riguarda ovviamente la pandemia mondiale di Covid-19 che ha segnato in maniera inaspettata e drammatica il 2020, generando un’emergenza sanitaria che, nel primo trimestre dello scorso anno, ha portato a un fermo industriale, economico e sociale che ha toccato pressoché tutti i settori.

In questa difficile situazione, il sistema RAEE non ha mai interrotto l’attività, grazie anche ad alcuni provvedimenti straordinari adottati dal Centro di Coordinamento RAEE come il monitoraggio quotidiano della situazione nei diversi centri di raccolta o la rimodulazione dei tempi di intervento, con l’obiettivo prioritario di assicurare la salute di tutti gli operatori coinvolti e al contempo di continuare a garantire il ritiro dei rifiuti dalle isole ecologiche. Insieme ai produttori di AEE, il Centro di Coordinamento RAEE ha poi sostenuto la richiesta, presentata al ministero dell’Ambiente dalle associazioni della filiera, che ha consentito una deroga dei limiti di stoccaggio per gli impianti di trattamento e i centri di raccolta.

La forte sinergia messa in atto con tutti gli operatori della filiera ha permesso al sistema di reggere all’urto della pandemia, reagendo con efficacia ed efficienza, tanto da riuscire a chiudere l’anno con un risultato positivo. A una contrazione nei flussi di raccolta registrata tra marzo e aprile che ha toccato il -40%, è seguita, infatti, una costante ripresa dei volumi che a fine anno hanno superato le 365 mila tonnellate, segnando un +6% rispetto al 2019. Come sempre, da tutte le esperienze, anche da quelle più drammatiche, si impara sempre qualcosa; per il CDC RAEE, questa situazione ha dimostrato che la strada intrapresa è quella giusta, sulla quale si deve proseguire, affiancando alla forte e fattiva collaborazione di tutte le parti della filiera una piena collaborazione degli attori istituzionali, per raggiungere il traguardo di raccolta fissato dall’Unione Europea.

Per l’anno in corso non ci sarà più probabilmente da affrontare la stessa sfida con la pandemia dello scorso anno – almeno tutti ce lo auguriamo – ma altre non meno importanti attendono il sistema RAEE per raggiungere quel traguardo e per rispondere all’evoluzione della raccolta: nuove tipologie di AEE impongono di pensare a nuovi modelli organizzativi per rispondere sempre con efficacia ed efficienza alle richieste del mercato e della società.

Bruno Rebolini Presidente del Centro di Coordinamento RAEE

Rapporto Annuale 2020

Come funziona il sistema RAEE

I rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) sono oggetti che possono essere riciclati, di conseguenza vanno raccolti come rifiuti differenziati. Per questo motivo sono identificati dal simbolo del cassonetto barrato. Il Decreto legislativo 49/2014, che regolamenta la raccolta e la filiera del riciclo dei RAEE, prevede la responsabilità diretta di molteplici attori: i produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE), i distributori, i Comuni, i consumatori. Ognuno ha compiti specifici per garantire la gestione eco-sostenibile del sistema e contribuire alla salvaguardia dell’ambiente.

Vocabolario dei RAEE

01
consumatore

Chi acquista un’apparecchiatura elettrica ed elettronica (AEE).

02
produttore AEE

Azienda che “immette sul mercato” un’apparecchiatura elettrica o elettronica.

03
RAEE

Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (domestici o professionali).

04
ECO-CONTRIBUTO

Importo, previsto per legge, che il produttore aggiunge al prezzo di vendita delle AEE e che finanzia le attività dei Sistemi Collettivi.

centri-coordinamento
CENTRO DI
COORDINAMENTO RAEE
Organismo centrale che si occupa di garantire condizioni operative omogenee tra i Sistemi Collettivi e rappresenta il punto di riferimento per tutta la filiera di gestione dei RAEE domestici.
sistemi-collettivi
SISTEMI COLLETTIVI
Consorzi senza fine di lucro a cui aderiscono i produttori di AEE; hanno il compito di raccogliere, ritirare e gestire i RAEE domestici sull’intero territorio nazionale.
distribuzione
DISTRIBUZIONE
Punti vendita presso i quali è possibile acquistare le AEE o consegnare un RAEE nelle modalità “1 contro 1” e “1 contro 0”.
centro-raccolta
CENTRO DI RACCOLTA
Luogo predisposto dai Comuni, dove i cittadini possono conferire gratuitamente i RAEE, divisi per Raggruppamento.
impianto-trattamento
IMPIANTO DI TRATTAMENTO
Azienda che svolge attività di riciclaggio, recupero e valorizzazione dei materiali derivanti dai RAEE.
raggruppamenti
RAGGRUPPAMENTI
I cinque gruppi in cui sono raccolti i RAEE.
simbolo-raee
SIMBOLO RAEE
Simbolo che identifica i RAEE, consente ai consumatori di riconoscerli e indirizzarli verso la raccolta differenziata corretta.

Il sistema RAEE in sintesi

Ogni cittadino può portare gratuitamente i propri RAEE nei centri di raccolta comunali oppure consegnarli a un rivenditore usufruendo del servizio “1 contro 1” o “1 contro 0”. I produttori di AEE, tramite i Sistemi Collettivi, si fanno carico del finanziamento e della gestione dell’intero sistema di riciclo dei rifiuti elettronici. L’attività dei Sistemi Collettivi è sovvenzionata con l’eco-contributo RAEE versato dal consumatore al momento dell’acquisto di un nuovo prodotto.
1 CONTRO 1
DM N. 65/2010
Obbligo per il distributore di ritiro dei RAEE a fronte dell’acquisto di un nuovo prodotto equivalente da parte del consumatore.
CENTRI DI RACCOLTA
Possibilità di conferire in uno degli oltre 4.000 centri di raccolta RAEE presenti in tutta Italia.
1 CONTRO 0
DM N. 121/2016
Consegna gratuita dei RAEE di dimensioni inferiori a 25 cm presso i punti vendita con superfici superiori a 400 mq (facoltativo per altri punti vendita).

Rapporto Annuale 2020

La struttura del CdC RAEE

Il Centro di Coordinamento RAEE affianca alla compartecipazione al processo decisionale tipica dei consorzi uno staff di sette persone, ciascuna con specifiche competenze nelle proprie aree di attività. Costituito come un consorzio di diritto privato, è espressamente previsto dalla normativa italiana che ne regola l’istituzione e gli attribuisce molteplici compiti istituzionali attraverso i quali il CdC RAEE è divenuto nel tempo il riferimento puntuale per l’intera filiera ed un esempio di impostazione organizzativa. Il CdC RAEE organizza diversi gruppi di lavoro sia permanenti (Forum Operations, Forum IT) sia promossi appositamente per affrontare le diverse tematiche che nascono da un contesto in continuo divenire, con la collaborazione dei maggiori esperti del sistema RAEE.

In un’ottica di piena trasparenza e a tutela dei consorziati e dei produttori da essi rappresentati, il CdC RAEE ha adottato e ottenuto:

CODICE ETICO
MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO 231/2001
MANUALE ANTITRUST
CERTIFICAZIONE ISO 9001:2015

Rapporto Annuale 2020

Il ruolo dei Sistemi Collettivi

I Sistemi Collettivi sono i soggetti, sotto forma di consorzi volontari o di società senza fini di lucro fondati e finanziati dai produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE), il cui scopo è assolvere agli obblighi attribuiti ai produttori dal Decreto legislativo 49/2014 e gestire il trasporto, il trattamento e il recupero dei RAEE nel rispetto delle regole stabilite dal Centro di Coordinamento RAEE. L’obbligo dei Sistemi Collettivi è proporzionale alla quota di mercato che i rispettivi produttori detengono in ciascuno dei cinque raggruppamenti in cui sono ripartiti i RAEE: R1 (freddo e clima), R2 (grandi bianchi), R3 (apparecchi con schermi), R4 (piccoli elettrodomestici, elettronica di consumo), R5 (sorgenti luminose).

I Sistemi Collettivi

APIRAEE
COBAT-RAEE
CONSORZI--RLG
ECOEM
eco-lamp
ECOLIGHT
ECOPED
ESA
erion-professional
ERP
erion-weee
PVCYCLE
RIDOMUS

Raggruppamenti RAEE

FRIGORIFERI, CONGELATORI, CONDIZIONATORI, ECC.
LAVATRICI, LAVASTOVIGLIE, CAPPE, FORNI, ECC.
TELEVISORI E SCHERMI A TUBO CATODICO, TABLET, LCD, ECC.
APPARECCHI DI ILLUMINAZIONE, PANNELLI FOTOVOLTAICI, PICCOLI ELETTRODOMESTICI, ECC.
LAMPADINE, LAMPADE A SCARICA, LAMPADE FLUORESCENTI, ECC.

Rapporto Annuale 2020

I dati nazionali

Nonostante i gravi disagi legati alla pandemia di Covid-19, la raccolta di RAEE nel 2020 ha continuato a crescere: i Sistemi Collettivi hanno ritirato e avviato a corretto smaltimento 365.897 tonnellate di RAEE, in crescita del +6,35% rispetto al 2019, che corrisponde a una raccolta pro capite di 6,14 kg. A trainare la crescita sono i volumi di grandi bianchi (R2) che registrano un incremento superiore al 9%, seguiti dai piccoli elettrodomestici ed elettronica di consumo (R4) a quasi +8%. Più contenuti gli incrementi per Tv e monitor (R3) e apparecchiature del freddo e della climatizzazione (R1) che si assestano intorno al 4%. In contrazione, invece, la raccolta delle sorgenti luminose (R5) che segna quasi il -6%.

Raccolta per raggruppamenti

INCREMENTO 2020/2019

+6,35%

POPOLAZIONE

59.616.667

RACCOLTA PRO CAPITE

6,14 KG

I VALORI SONO COMPRENSIVI DELLA RACCOLTA VOLONTARIA DEI SISTEMI COLLETTIVI

Punti di raccolta

ico-05-01b

Ritiro e carico medio per raggruppamento

Tasso di puntualità

Rapporto Annuale 2020

I premi di efficienza

Tramite i Sistemi Collettivi, i produttori versano dei contributi economici ai Comuni e ai gestori dei centri di conferimento per favorire il miglioramento continuo della raccolta dei RAEE in termini sia quantitativi sia qualitativi. Tali importi (“premi di efficienza”) vengono erogati sulla base di criteri specifici e al verificarsi di condizioni di buona operatività stabiliti negli Accordi di Programma siglati tra le parti. In particolare, viene premiato il livello quantitativo dei RAEE conferiti, nel rispetto dei parametri qualitativi previsti.
EMILIA ROMAGNA € 2.139.973
FRIULI V.G. € 481.519
LIGURIA € 915.449
LOMBARDIA € 3.560.411
PIEMONTE € 1.460.950
TRENTINO A.A. € 420.861
VALLE D’AOSTA € 66.360
VENETO € 2.042.290
ABRUZZO € 358.310
LAZIO € 2.201.641
MARCHE € 599.213
TOSCANA € 2.135.336
UMBRIA € 259.690
BASILICATA € 363.557
CALABRIA € 649.317
CAMPANIA € 1.108.074
MOLISE € 103.418
PUGLIA € 1.007.137
SARDEGNA € 786.868
SICILIA € 1.469.630
€ 22.130.004
+9,21%
I VALORI INDICATI DERIVANO DALLE AUTOCERTIFICAZIONI RILASCIATE DAI SISTEMI COLLETTIVI AL CDC RAEE

Rapporto Annuale 2020

I dati regionali

Anche nel 2020 la raccolta dei RAEE in Italia fa registrare un importante divario tra le regioni del Nord, che si assestano su una raccolta di 7 kg/abitante, rispetto a quelle del Centro (6,3 kg/ab) e del Sud (4,7 kg/ab). Tuttavia, è proprio il Sud Italia che, con un +17%, fa registrare la crescita maggiore in termini di volumi rispetto al 2019. Incrementano anche Centro e Nord Italia, con percentuali minori e tra loro analoghe, ma con quantitativi sensibilmente diversi, con un Nord che da solo raccoglie più della metà di tutti i RAEE nazionali. In termini di raccolta pro capite la Valle D’Aosta si conferma al primo posto, mentre la Campania rappresenta il fanalino di coda.
img-ta1
img-tab2
img-tab3
REGIONE RACCOLTA TOTALE (TON) RACCOLTA PRO CAPITE (KG/AB) ANDAMENTO RACCOLTA 2020/2019
EMILIA ROMAGNA35.2268,07-2,25%
FRIULI VENEZIA GIULIA8.9507,32+0,18%
LIGURIA12.0397,69+2,00%
LOMBARDIA67.7766,93+4,70%
PIEMONTE24.8255,67+6,07%
TRENTINO ALTO ADIGE8.2277,93+2,31%
VALLE D’AOSTA 1.32810,39+2,61%
VENETO33.5556,88+5,14%
REGIONE RACCOLTA TOTALE (TON) RACCOLTA PRO CAPITE (KG/AB) ANDAMENTO RACCOLTA 2020/2019
ABRUZZO6.0924,64+0,71%
LAZIO32.0615,77+8,51%
MARCHE9.6676,34+3,40%
TOSCANA29.3727,99+0,03%
UMBRIA5.3256,01+1,94%
REGIONE RACCOLTA TOTALE (TON) RACCOLTA PRO CAPITE (KG/AB) ANDAMENTO RACCOLTA 2020/2019
BASILICATA4.9268,55+78,36%
CALABRIA9.8875,07+11,26%
CAMPANIA20.2693,51+7,76%
MOLISE1.8645,95+16,35%
PUGLIA17.2744,26+21,83%
SARDEGNA14.2818,71+3,37%
SICILIA22.1864,44+28,02%

VALORI AL NETTO DELLA RACCOLTA VOLONTARIA DEI SISTEMI COLLETTIVI

Rapporto Annuale 2020

Il portale della raccolta

Il sito raeeitalia.it è una miniera di dati sui RAEE gestiti in Italia, dal 2018 ad oggi, che il CdC RAEE mette a disposizione di tutti gli interessati. La sezione “Rapporti annuali” fotografa il sistema RAEE anno per anno, offrendo, nelle pagine interne, diversi dettagli e livelli di approfondimento, dal dato nazionale fino a quelli dei singoli Comuni. La sezione “Rapporti Impianti” è dedicata, invece, ai risultati e alle dichiarazioni che gli impianti di trattamento rilasciano annualmente al CdC RAEE e registra il target di raccolta raggiunto dal Paese rispetto agli obiettivi europei. Per monitorare l’andamento dell’anno in corso, infine, è stata creata una sezione dedicata con dati aggiornati mese per mese. Tutti i dati sono disponibili per il download.

RITIRO E TRATTAMENTO DEI RIFIUTI
DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE
ED ELETTRONICHE IN ITALIA
Rapporto Annuale 2020

Un anno che ci ha messo alla prova

Panoramica sul sistema RAEE

Alla scoperta del CdC RAEE

Una gestione senza fini di lucro

Il 2020 in numeri

Premiare i virtuosi

Risultati regione per regione

I dati a portata di click